Lezioni di democrazia

13 maggio 2017

unnamed

Numerosa e vivace presenza ieri all’Istituto Gramsci che assieme alla Fondazione Bianciardi ha organizzato un dibattito sul tema della democrazia partendo dall’ultima pubblicazione curata da Enrico Mannari. Democrazia contro populismo? Non è stato questo il tema principale che ha appassionato gl’intervenuti, quanto piuttosto le forme di democrazia spontanea che fiancheggiano, sostengono o sostituiscono l’azione politica e amministrativa.

Il volume è stato debitamente illustrato da Mannari e merita di essere letto per tutta una serie di stimolanti interventi che raccoglie. Buona Lettura!

WhatsApp Image 2017-05-13 at 17.50.21

Risveglio popolare

8 maggio 2017

Risveglio popolare jpgIl 5 maggio alle 17, alla Biblioteca Chelliana l’istituto Gramsci di Grosseto alla Biblioteca Chelliana ha presentato “Risveglio popolare – 1944-1946” di Giuseppe Albana, ed. Effigi. L’ incontro è stato condotto da Caterina Albana, curatrice del libro, e Lucia Matergi, presidente dell’Istituto. Un pubblico numeroso e attento ha partecipato vivacemente all’iniziativa, intervenendo sulle questioni sollevate dal libro, che si presenta come opera esemplare del valore delle microstorie nella ricostruzione  scientifica  del quadro globale di un paese, nel nostro caso dell’Italia.
Sicilia, 2 giugno 1946. Il voto dell’Isola si riversa, massiccio, sulla Monarchia. Pochissimi i comuni in controtendenza. Spicca, fra questi, S. Piero Patti. Che cosa ha permesso che la Repubblica ottenesse, in questo piccolo comune, il 70% dei consensi? Un pugno di giovani, alcuni reduci dalla guerra, ha intrapreso una lotta senza quartiere contro il blocco delle forze conservatrici. Si ispirano a Mazzini, operano una propaganda capillare, promuovono un risveglio delle coscienze, affrontando i pericoli della clandestinità, le fughe, gli agguati. Tengono sempre presente quel che nel ’21 hanno fatto i fascisti ai socialisti che avevano conquistato il Comune. A loro non accadrà, sono pronti persino alla lotta armata. Ma non ce ne sarà bisogno. S. Piero Patti non ha dimenticato l’olio di ricino, lo squadrismo, i morti. E la Repubblica vince, anzi, trionfa..

Risveglio-popolare

Gl’italiani e il lavoro

29 aprile 2017

Cerco lavoroUn’inchiesta della Demos commentata da Ilvo Diamanti ci rivela lo stato “psicologico” del’italiani di fronte alla prospettiva occupazionale e le loro preferenze nella scelta di un lavoro. Non stupisce ovviamente la prevalenza assoluta in termini numerici di chi desidererebbe un posto statale. Stupisce invece e in qualche misura allarma l’infima cifra di chi preferirebbe lavorare in cooperativa!

Gl’italiani e il lavoro

Facebook

Gramsci

Bacheca dell’anniversario di Gramsci

28 aprile 2017

Rassegna stampaQuest’anno ricorre l’ ottantesimo anniversario della morte di Gramsci. In questo articolo in progress cercheremo di documentare le varie opinioni che per l’occasione giornalisti e pensatori affidano alle varie pagine dei giornali con i quali collaborano. In questa specie di rassegna stampa dell’anniversario si troveranno le tante opinioni e interpretazioni che continuano a unire e a dividere nel nome di Gramsci. In effetti i tentativi di un’interpretazione diciamo conciliativa prevalgono su quelli di un’interpretazione divisiva delle posizioni teoriche e politiche del pensatore sardo. Il pericolo sta nell’ecumene…

Articoli:

Gramsci e il Mezzogiorno

Gramsci e la Religione (Lo Piparo)

Gramsci e Religione (risposte a Lo Piparo)

Gramsci e l’Europa

Gramsci e il Populismo

Gramsci e La Città Futura

Giasi: Gramsci per tutti

Gramsci celebrato dalle istituzioni

Gramsci e la Globalizzazione

A. Hoebel: Gramsci 80 anni dopo

Viva il 25 Aprile, oggi più che mai!

25 aprile 2017

Questo 25 aprile 2017 è una giornata di festa e di impegno. Di festa perché siamo in un paese libero grazie al sacrificio di tanti uomini e donne che hanno lottato per la nostra libertà; di impegno perché quel sacrificio richiede la nostra assunzione di responsabilità nel difenderla dagli attacchi pressanti che le stanno giungendo. Arrivano dal mondo che si presenta ogni giorno più impaurito e per conseguenza sempre più incline a cedere al mito del capo; spuntano vicinissimi a noi, fino a annidarsi nelle nostre istituzioni. A Grosseto, in Consiglio comunale siede un consigliere di maggioranza che appartiene a Casa Pound e fa professione pubblica di fascismo, impunito nonostante che la Costituzione italiana preveda la punibilità dell’apologia di regime. L’istituto Gramsci invita i democratici grossetani all’unità e alla responsabilità collettiva nei confronti di tale stato di cose. E’ il nostro augurio nella festa della Liberazione.